Ho assuto un assistente

IT/EN

20170201_214209

Se non lo conosci, ti presento Piriorsetto. E’ “IL” pupazzetto di ape operosa J. Lo accompagna da quando e’ nato. Compagno inseparabile di vita e avventure. Ne ha passate tante, come si puo’ vedere dalle cicatrici sul volto, a causa di un incontro ravvivinato con un ascigacapelli. Ha pure fatto un viaggio dalla Sardegna all’Olanda, schiacciato dentro una busta da lettere. J lo adora, e se per qualche giorno sparisce, ne sente subito la mancanza. Anche stamattina le cose non stavano andando cosi bene in classe. Ho visto Piri,l’ho acchiappato al volo e ho iniziato a interagire con J usando la voce di Piri. E cosi’ J gli ha fatto vedere l’aula, il suo lavoro fatto finora, i suoi pastelli nuovi. E lo ha aiutato, incoraggiato e un po sgridato quando ha fatto la forma di oggi. E’ decisamente andata meglio, grazie al mio aiutante. Penso proprio che continuera’ a farci compagnia nei prossimi giorni, se non altro perche’ anche io divento piu’ giocosa e meno fiscale.

Oggi ho scelto per J una forma abbastanza complicata. Da un lato per coinvolgerlo di piu’, e perche’ la sequenza rette curve costringe i bambini veloci a rallentare un po, per pensare a cosa viene dopo. Ha lavorato abbastanza bene, anche se si possono vedere dove sono le sue difficolta’ maggiori: le curve in se e il quadrante inferiore sinistro, che e’ anche normale visto che e’  un destrimane. Mi sa  che fra qualche settimana gliela riproporro’, per vedere se nel frattempo qualcosa si assesta.

20170201_14010020170201_140112

Intanto ape operosa C e’ talmete affascinata da questa idea della scuola, che si e’ organizzata la sua classe fuori sullo stoep (veranda, tipica parola afrikaans), con il suo banchetto, lavagnetta e gessetti.

20170201_135433

Anche oggi ho raccontato la favola “L’ape regina”, e stavolta ha inspirato J e C a voler superare delle prove. Cosi’ mi sono inventata 3 prove necessarie per liberare la fattoria dall’incantesimo:

1. trovare 10 pietre della grandezza di un pugno (facilissima)

2. riempire  un contenitore fino all’orlo di bacche di eucaliptus (facile, ma piu’ laboriosa)

3. trovare 3 alberi da frutto intorno alla casa e fotografarli (piu’ complicata, ma che hanno risolto andando da ape operosa papa’ e chiedendo a lui quali fossero gli alberi, facendo finta di niente, i furbacchioni)

Quindi l’incantesimo si e’ sciolto e la ricompensa e’ stata…una macchina carica di bambini! Con i quali giocare fino a tarda sera.img-20170201-wa0005

Altro accadimento degno di nota, il salvataggio di una piccola antilope chiamata rooi duiker (Cefalofo Rosso), che era rimasta impigliata in una recinzione. Una volta liberata e’ andata via saltellante, con nostra grande gioia.

img-20170201-wa0008

Un abbraccio e buona vita

 

 

If you do not know him, I will introduce you to Piriorsetto. He is busy bee J soft toy, “THE’ soft toy. They are inseparable since J was born, they went through many adventures together, and some rough patches too, as you can see from the scars on its face, due to a close round with an air dryer. He even went on an adventurous journey , squashed in an envelop, from Sardinia to The Netherlands. J adores him, and he misses him if we cannot find him for a few days. Once again, this morning, school was not going very well. And there I saw Piri, I grabbed him and I started interacting with J using Piri’s voice. J introduced Piri to the classroom, showed him his work done till that moment, and the new crayons case. From then, Piri helped J, giving him directions on today’s form drawing. It went much better after Piri’s intervention. I seriously think I will employ him permanently, also because the teacher get more playful and less stuffed up.

Today I chose a complicated form for J. Firstly because I want to get him more involved, and secondly because the sequence curves-straight lines forces fast children to slow down a bit, because they have to think what’s next. He worked well, but it is evident he has a bit of difficulties with curves, especially on the left lower quadrant, which is also quite normal, him being a righty. I think I will re-propose the same form in a few weeks, to see if something has settled.

In the meantime, busy bee C, being so interested in this “school thing”, organized a classroom for herself, outside on the stoep (Afrikaans for veranda), with her little desk, black board and chalks.

Today, the retelling of “The Queen Bee”, has inspired J and C to overcome trials. There and then I have prepared 3 trials, necessary to free the farm from the horrible spell.

  1. Finding 10 stones (very easy)
  2. Filling a container with eucalyptus (easy, but more time consuming)
  3. Finding 3 fruit trees close to the house and take a picture of them (more difficult, but they solved it asking busy bee dad where to find them, without telling him the reason of the question, quite sharp!)

The spell has been broken, and the repayment has been… a car full of children to play with till evening!

There has also been another happening today. A small antelope, a red duiker, has been freed from the fence where she got herself tangled in. Once she had been freed she ran away jumping full of strength, to our delight.

Un abbraccio e buona vita

Annunci

3 pensieri su “Ho assuto un assistente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...